Il parquet prefinito multistrato è la soluzione ideale nei casi in cui l’urgenza di ristrutturare il pavimento non consente di rispettare i lunghi tempi d’attesa previsti per l’installazione di un classico parquet in legno massiccio.
A differenza di quest’ultimo, il parquet prefinito con plancia a 2 o 3 strati può essere installato al di sopra di una pavimentazione preesistente e calpestato dopo sole 24 ore dalla posa, garantendo la possibilità di restare in casa anche durante i lavori.

Per sapere quando utilizzare il parquet prefinito a 2 o 3 strati occorre considerare alcuni fattori tecnici ed estetici, tenendo conto della geometria e della tipologia di posa da utilizzare ma anche (e soprattutto) delle caratteristiche della pavimentazione di base.

 

Il parquet con plancia a 2 strati è sicuramente la soluzione più economica e versatile, in quanto garantisce buone doti di stabilità e resistenza grazie all’abbinamento tra uno strato superiore in legno pregiato ed un supporto in legno “povero” ma estremamente solido.
Questa tipologia di parquet dev’essere necessariamente incollata al pavimento, ma ha il pregio di garantire maggiore libertà di scelta in termini di geometrie di posa grazie alle ridotte dimensioni dei listoni.

Il parquet con plancia a 3 strati si differenzia invece per la presenza di un terzo elemento controbilanciante in legno pregiato, studiato per incrementare la stabilità e la resistenza agli stress ambientali in modo da consentire la posa flottante, una tecnica rapida e poco invasiva che assicura inoltre la possibilità di poter riutilizzare i listoni per altre future pavimentazioni.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questa pagina con i tuoi amici