fbpx

Realizzare all’interno della propria casa una parete in parquet non è una idea nuova. Da sempre il legno è scelto come rivestimento da parete, ma anche da soffitto, per donare eleganza e calore alla casa (scelta estetica) ma anche per coibentare e isolare acusticamente la stanza (scelta estetica e funzionale).

La versatilità del legno garantisce una moltitudine di impieghi che ne fanno la scelta giusta in tutti i contesti di utilizzo.

Quando pensiamo ad un pavimento in legno, al calore e alla sensazione di benessere che ci trasmette una volta che lo abbiamo posato, dimentichiamo molto velocemente le alternative che nella fase della scelta abbiamo scartato.

parete in parquet

Rivestimento in legno: una scelta estetica e funzionale

La tentazione di utilizzare il legno per rivestire non solo il pavimento ma anche altre superfici della nostra abitazione, può essere una soluzione estetica molto attraente anche solo per una parete che vogliamo valorizzare in modo particolare.

Il rivestimento in legno a parete è spesso una scelta di design in cui architetti e progettisti sbizzarriscono la loro fantasia per comporre motivi ed effetti attraenti e di grande impatto estetico. Generalmente si prediligono le stanze da letto per il senso di relax e riposo ma anche soggiorno, cucine e, in certi casi, il bagno .

Non dimentichiamo anche il vantaggio della coibentazione e soprattutto dell’ottima insonorizzazione che una parete in parquet può offrire.

parete in parquet

Parete in parquet: tipologia e formato dei listelli

Dal punto di vista estetico, a nostro avviso, è preferibile un formato importante, lungo e largo. Conviene evitare listelli di piccola dimensione, non molto adatti ad un’ottimale percezione visiva. La scelta del montaggio, in orizzontale o verticale, dipende dai gusti e, volendo, anche dal verso di posa del pavimento. Nel primo caso si dà continuità all’ambiente, nel secondo una brusca interruzione.

Proprio per il fatto che un formato lungo è la dimensione più giusta, la scelta ricade generalmente sul prefinito.

Ma questa non è l’unica discriminante: nella fase di posa sarebbe molto complesso il lavoro da fare sul legno massello qualora messo a parete. Pensiamo solo all’incollaggio e alla successiva carteggiatur. Queste due operazioni dovrebbero essere fatte installando il legno su un pannello di supporto, che consenta la realizzazione di quasi tutte le lavorazioni, per poi procedere al posizionamento in verticale. I costi di posa lieviterebbero inevitabilmente.

parete in parquet

Per quanto riguarda il tipo di legno da utilizzare la scelta è veramente soggettiva e condizionata dall’ambiente e dallo stile usato per l’abitazione. Rovere e castagno, si abbinano bene in ogni contesto, i legni pregiati, come teak e noce, e i legni di recupero si scelgono per stili shabby-chic, rustici o industriali. Qualunque sia l’opzione l’effetto finale che otterremo sarà sorprendente.

Prendi un appuntamento

Oltre 50 anni di esperienza a tua disposizione. Vienici a trovare, non vediamo l’ora di aiutarti.

Pin It on Pinterest

Share This